news-diritti-lavoro
Nascita di nuovi figli e diritto del coniuge separato a ridurre l’assegno
10 Novembre 2020
separazione - figli
In caso di separazione, gli assegni familiari percepiti per i figli sono dovuti al genitore con il quale convivono
21 Novembre 2020

Subito il divorzio per i coniugi rumeni che vivono in Italia

news legali avvocati

Subito il divorzio per i coniugi rumeni che vivono in Italia

La legge rumena (il Codul Familiei) può essere applicata ai coniugi rumeni che vogliono divorziare in Italia. Infatti la coppia rumena che vive in Italia può ottenere subito il divorzio chiedendo che venga applicata la legge rumena che non prevede la separazione dei coniugi, bensì solo il divorzio. Il divort (divorzio), per la legge rumena, può essere ottenuto in due modi: per consenso di entrambi i coniugi che divorziano o per domanda presentata da uno solo di essi quando i rapporti si siano deteriorati e per lui non sia più tollerabile la prosecuzione del matrimonio. È inoltre possibile chiedere il divorzio quando uno dei coniugi si trovi in uno stato di salute grave e tale da rendere impossibile la prosecuzione del rapporto. La legge rumena prevede il divorzio “consensuale”, cioè quello richiesto da entrambi i coniugi di comune accordo, o quello giudiziale, cioè presentato da uno solo di essi, la domanda deve essere presentata in Tribunale, che prenderà provvedimenti circa la divisione dei beni, il mantenimento e l’affidamento dei figli. In Romania, a differenza che in Italia, l’assegno di mantenimento a favore di uno dei coniugi che divorzia non è obbligatorio, se non per un anno e solo per gravi condizioni di salute. Dal momento tuttavia che in Italia è dovuto, essendo altrimenti contrario a norme di legge imperative ed inderogabili, tale assegno sarà obbligatorio per il coniuge romeno che proceda al divorzio in Italia.  Quindi il coniuge divorziato, che versi in stato di bisogno per incapacità a lavorare, ha diritto al mantenimento da parte dell’altro coniuge: l’ammontare di tale mantenimento può arrivare fino ad un terzo del reddito netto del coniuge obbligato, tenendo conto delle sue possibilità economiche e dello stato di bisogno dell’altro coniuge.
A questo si aggiunge poi il mantenimento dei figli della copia divorziata che è obbligatorio tanto per la legge italiana quanto per quella romena, con la specificazione però che la somma dei due mantenimenti non superi la metà del reddito netto dell’obbligato. Il diritto al mantenimento cessa quando il coniuge già divorziato e beneficiario di detto assegno passa a nuove nozze. Quindi in definitiva i coniugi rumeni che stanno in Italia arrivano prima al divorzio in quanto non devono fare la separazione: basterà invocare la legge romena in materia di divorzio.

 

Studio legale Avvocato Massimo Ornato